Laconi chiede un corso per preparare tecnici agrari e forestali - LinkOristano
Provincia

Laconi chiede un corso per preparare tecnici agrari e forestali

Il Comune vuole allargare l'offerta formativa delle scuole, pensando allo sviluppo

comune-laconi-municipio

Laconi chiede un corso per preparare tecnici agrari e forestali
Il Comune vuole allargare l’offerta formativa delle scuole, pensando allo sviluppo

Il municipio di Laconi – Foto Google Street View

Il Comune di Laconi punta tutto sull’istruzione e vuole arricchire l’offerta formativa nelle scuole, pensando alla valorizzazione del territorio. Tra le proposte avanzate dall’amministrazione comunale in una relazione presentata all’Assessorato regionale dell’Istruzione c’è un nuovo corso per la scuola superiore a indirizzo tecnico agrario e forestale.

“Il tema dell’istruzione a Laconi”, spiega in una nota il vicesindaco e assessore alle politiche culturali Maria Ignazia Deidda, “viene tenuto costantemente in considerazione dall’amministrazione, che intende porre in essere tutte le azioni possibili per salvaguardare la presenza la presenza di un ciclo completo di studi che possa permettere ai bambini e ragazzi laconesi di esercitare il loro diritto di frequentare e completare la propria formazione nel comune di residenza”.

In queste ultime settimane, il Comune ha organizzato una serie di incontri con enti locali e regionali. Oltre a una relazione in cui viene analizzata la situazione attuale dei diversi livelli di istruzione nel paese, sono state avanzate delle proposte per arricchire l’offerta formativa, secondo le caratteristiche del territorio e le esigenze per lo sviluppo.

“Nella relazione viene evidenziata anche la contrarietà dell’amministrazione all’istituzione delle pluriclassi”, spiega ancora la vicesindaco Deidda, “indicando invece come soluzione l’istituzione di miniclassi. Chiediamo anche l’attivazione del nuovo corso di studi superiore ad indirizzo tecnico agrario forestale, che si ritiene possa rappresentare un’opportunità per il territorio, sia per i futuri risvolti occupazionali, sia per la gestione e salvaguardia dell’importante patrimonio ambientale e forestale”.

Sabato 10 aprile 2021

commenta