Agenti di viaggio tra incertezza e disperazione, senza le linee guida

Agenti di viaggio tra incertezza e disperazione, senza le linee guida
Interpellanza di Li Gioi (M5S ): “La Regione adotti con urgenza le misure promesse già a marzo”

L’estate è alle porte e in Regione si discute se e come aprire in sicurezza al turismo. Ma in questo clima di incertezza il comparto dei viaggi rischia una profonda crisi. Il consigliere regionale del M5S Roberto Li Gioi ha presentato una interpellanza per chiedere al presidente Christian Solinas e alla Giunta se siano a conoscenza delle drammatiche conseguenze che subirà il settore dei viaggi senza una immediata approvazione di linee guida dettagliate e chiare.

“Nonostante l’ingresso nella Fase 2 e l’emanazione dell’ordinanza numero 23 da parte del presidente della Regione, purtroppo regna ancora l’incertezza più totale su come dovrà essere gestita l’accoglienza dei turisti nella nostra isola”, commenta il consigliere Li Gioi.

Roberto Li Gioi

“Nel frattempo la mancanza di direttive certe si sta abbattendo sulle agenzie di viaggio sarde, circa 400 dislocate su tutto il territorio regionale, già pesantemente colpite dalla cancellazione di un numero impressionante di prenotazioni”, ricorda il consigliere regionale del M5S.

“Per sostenere il comparto turistico e le agenzie di viaggio in particolare, già lo scorso marzo alcuni esponenti della Giunta hanno incontrato i rappresentanti del comparto per discutere di eventuali misure economiche da adottare con urgenza. Tra le altre soluzioni prospettate in quell’occasione si era parlato di un finanziamento pari al 30% a fondo perduto calcolato sulla tassazione sostenuta nel 2019 per il personale dipendente. Purtroppo però alle parole non sono seguiti i fatti e le agenzie di viaggio non hanno ricevuto alcun aiuto da parte della Regione”.

“La Giunta deve provvedere con la massima urgenza”, continua l’esponente dei Cinque stelle, “e disporre le misure economiche a sostegno delle agenzie di viaggio prospettate a marzo per dare respiro ad un importante settore che mai prima di questo drammatico momento ha avuto bisogno di chiedere un intervento economico mirato. A subire gli effetti nefasti dell’indecisione e del tergiversare della politica non può essere una tra le categorie più colpite dalla crisi, purtroppo nel breve e nel lungo periodo. La tempistiche di adozione delle direttive regionali non possono compromettere la stagione stessa. Occorrono aiuti mirati e immediati”.

Venerdì, 22 maggio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *