Tre surfisti multati a S’Archittu nell’ultimo giorno di zona rossa

Tre surfisti multati a S’Archittu nell’ultimo giorno di zona rossa
Controlli della Forestale: altre tre contestazioni nell’Oristanese

Ci sono anche tre surfisti sorpresi a S’Archittu fra le sei persone alle quali in provincia di Oristano la Forestale – nel primo fine settimana di maggio – ha contestato la violazione delle norme sulla limitazione del contagio da Coronavirus. Le altre tre persone sono state multate invece nella zona dei campeggi di Is Arenas.

Tra le 18 del 1° maggio e le 18 di domenica 2 maggio, il Corpo forestale della Regione ha effettuato 2.009 controlli negli scali aeroportuali e portuali sardi: 700 nell’aeroporto di Cagliari e 250 in quello di Alghero; 680 nel porto di Olbia, 145 in quello di Porto Torres, 175 a Cagliari e 59 a Santa Teresa di Gallura.

Nell’ultimo giorno di zona rossa per la Sardegna sono stati effettuati anche 78 controlli nel territorio e – come detto – notificate sei contestazioni nell’Oristanese. A S’Archittu sono intervenuti gli agenti della Stazione forestale di Cuglieri, mentre i controlli a Is Arenas erano affidati alla Stazione di Seneghe.

Lunedì, 3 maggio 2021

16 Commenti a Tre surfisti multati a S’Archittu nell’ultimo giorno di zona rossa

  1. Però sono veramente in gamba questi della forestale,io gli ho sempre visto solo girare con fuoristrada!!!!

  2. Intanto a Milano tutti in piazza…qui multe per situazioni ridicole

  3. Beh sai, 3 surfisti in mezzo al mare sono molto pericolosi per la diffusione del virus.

    • Cittadino sardo

      Mi hai tolto le parole di bocca

    • Ci risulta che siano stati multati per altre ragioni, non certo per i rischi del contagio sul surf. Erano fuori dal proprio comune e una prima volta sono stati invitati a tornare a casa (a uno dei tre era stata contestata la stessa violazione il giorno prima). Quando i forestali sono ripassati e li hanno trovati ancora là, è scattata la sanzione.

  4. Abitante della foresta

    E il loro capo (per non fare nomi e rispetto della privacy, solo le iniziali A.C.) a pranzo a Sardara con altri 40… senza nessuna multa … Vergognatevi!!!

  5. …immagino l’assembramento sulla tavola da surf e magari anche senza mascherina. Fattu beni! Le regole vanno rispettate.

  6. Complimenti per la difficile e pericolosa operazione di polizia! Il bello è che non avete avuto la benché minima vergogna di comunicare la notizia alla stampa!

  7. burocrati, dipendenti pagati da noi che dovrebbero essere al servizio della gente, invece sono al servizio della casta e del potere, ma va bene cosi, la classe politica la abbiamo eletta noi, chi e causa del suo mal pianga se stesso….

  8. Il braccio armato della finta costituzione democratica..
    Violavano le norme anticovid..
    Quindi un disperso in mare crea assembramento?
    Penosi perché dovrebbero almeno avere il buon senso di non vantarsi di questo.

  9. Forse sarebbe meglio evitare certi commenti ridicoli e fuori luogo . Le regole vanno rispettate sempre e ovunque. Più che giusto l’intervento degli agenti della Forestale. Poi tutti che vi lamentate che non ci sono controlli.

  10. Multano dei ragazzi che fanno uno sport tenendosi a distanza e il loro direttore a pranzo con altre 40 persone…

  11. Cittadino deluso

    Non ho capito, sono arrivati sino a S’Archittu per dei surfisti. Ma tutta la gente a Torregrande?
    E poi gente, svegliatevi però, se ci son delle regole vanno rispettate, certo è una fesseria perché quelli in mezzo al mare che male fanno, però io al mare non ci sono andato perché non si poteva. Ma son cretino che rispetto le leggi? O son strafottenti gli altri?
    Zona rossa un corno, la gente ha fatto come sempre quello che voleva, se si è tolleranti sempre il risultato è questo.

  12. Surfisti e forestale za za…non so quanto sia conveniente per la forestale mettersi contro i surfisti, nel fratempio in sardegna arrivano tonnellate di rifiuti di ogni genere,spuntano antenne di ogni genere,telecamere in ogni angolo del paese,ronde più o meno legali di barraccelli bracconcelli,supercarceri piene dei peggiori criminali italiani,ospedali da terzo mondo,e abbiamo questi dipendenti di stato pagati per girare a vanvera sul nostro territorio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *