Coronavirus: test per gli studenti delle scuole di Sedilo, slitta l’apertura

Coronavirus: test per gli studenti delle scuole di Sedilo, slitta l’apertura
L’iniziativa del Comune in collaborazione con l’Avis 

Gli studenti delle scuole di Sedilo saranno sottoposti sabato prossimo 26 settembre a un’indagine sierologica sul coronavirus. Ciò farà slittare l’inizio dell’anno scolastico da mercoledì 23 a lunedì 28 settembre.

Il comune sta procedendo all’acquisto dei kit  per le analisi sugli iscritti alle scuole del paese, inclusi i bambini della scuola dell’infanzia e della paritaria. Si unisce a questa iniziativa, promossa dall’amministrazione, anche l’Avis sezione di Sedilo che, al momento, ha già acquistato 100 test sierologici e intende metterli a disposizione per la stessa causa. Gli orari e il luogo in cui verranno effettuati i test sono ancora da definire ma intanto la data è confermata.

Per quanto riguarda il posticipo delle lezioni, la decisione è stata presa in accordo con l’amministrazione comunale e con la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Sedilo e tiene conto del quadro di grande preoccupazione  per la recrudescenza della malattia.

Salvatore Pes – Foto di Serafino Corrias

“Abbiamo ritenuto opportuno posticipare di qualche giorno la data di inizio delle lezioni”, dichiara il sindaco Salvatore Pes, “vista la situazione che stiamo vivendo, in modo da partire in sicurezza. Tenendo conto poi che il referendum interesserà la scuola primaria del paese e che le aule verranno sanificate il giorno dopo, mentre il giorno successivo verranno ripulite tute le altre scuole, abbiamo deciso di non iniziare a metà settimana ma di partire direttamente da lunedì 28 settembre”.

“C’è da parte nostra, la volontà”, conclude infine il primo cittadino, “di estendere questa iniziativa anche ai titolari delle attività commerciali del paese”.

Per quanto riguarda gli studenti, in ogni caso, nei prossimi giorni il comune avviserà pubblicamente tutta la comunità di Sedilo. “Stiamo prevedendo”, spiega inoltre sempre l’assessore Eleonora Carboni, “di effettuare i test sierologici grazie anche al supporto di alcune infermiere e altri volontari per gesti la cosa al meglio ed evitare gli assembramenti”.

“Il test”, precisa sempre l’assessore Eleonora Carboni, “non è obbligatorio ma è altamente consigliato e ci auspichiamo che tutti i genitori firmino il consenso per farlo fare ai propri figli. Rappresenta un’opportunità di prevenzione e serenità in più per tutti, almeno fino al momento in cui lo si fa”. “Dopo i test non potremo permetterci di abbassare la guardia”, aggiunge l’assessore, “ma intanto potremo renderci meglio conto della situazione e, qualora ci fossero dei casi positivi il 26, evitare che questi passino inosservati tra i banchi di scuola”.

“La consapevolezza del problema e la collaborazione per affrontarlo e risolverlo”, conclude Eleonora Carboni rivolgendosi a tutta la comunità di Sedilo, “rappresentano un’arma vincente affinché tutto vada benissimo”.

Mercoledì, 16 settembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *