Coronavirus: dieci nuovi contagi in Sardegna

Coronavirus: dieci nuovi contagi in Sardegna
I dati dell’Unità di crisi

Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 10 casi positivi riconducibili a migranti arrivati nell’Isola nei giorni scorsi. Cinque di questi contagi erano già stati anticipati ieri dall’Agenzia giornalista Italia.

Resta invariato il numero delle vittime, 134 in tutto.
In totale sono stati eseguiti 106.345 tamponi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 3, nessuno in terapia intensiva, mentre 30 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.234 pazienti guariti, più altri 3 guariti clinicamente.
Sul territorio, dei 1.404 casi positivi complessivamente accertati, 261 sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 116 (+10 rispetto al dato di ieri) nel Sud Sardegna, 61 a Oristano, 83 a Nuoro, 883 a Sassari.

Venerdì, 31 luglio 2020

5 Commenti a Coronavirus: dieci nuovi contagi in Sardegna

  1. Siamo stati 2 mesi a casa abbiamo rispettato le regole c’e chi ha perso il lavoro e vogliono far svanire tutto questo sacrificio che si e fatto x colpa di questa gente,ma non esiste abbiamo un governo fantoccio x caritá

  2. Continuiamo a far entrare tutti, non poniamo freno agli sbarchi, alla fine ci troveremmo con il virus più di prima. A nulla sono valsi i mesi di lockdown, i sacrifici di chi ha perso il lavoro, degli imprenditori che non riescono a ripartire, delle persone decedute. Cosa fa il governo Conte con i suoi accoliti dei 5 stelle e del PD? Pensano a prolungare lo stato di emergenza, a spartirsi le poltrone delle commissioni, a far crollare il Pil e a autorizzare il processo contro Salvini, ad inquisire il governatore della Lombardia. Quante cose importanti stanno tratralasciando? La cassa d’integrazione non pagata, le imprese che non decollano, le aziende che chiudono, le scuole che non si sa come dovranno riaprire, eppure continuiamo a modificare il decreto sicurezza, a tacere sugli scandali della magistratura e a permettere l’ingresso nel nostro paese di migranti contagiati che scappano dagli hotspot. BASTA !!!!

  3. Un po di carità? Li lasciamo in mare? Sicuramente preferiscono morire che stare nella loro terra…povera gente

  4. Per Rossy:
    Non è mia intenzione lasciare che muoiono in mare, ma forse è meglio che stiano nella loro nazione. Qui morirebbero di stenti e non farebbero altro che delinquere per vivere. Aiutiamoli nel loro paese materialmente a migliorarsi e non solo a parole come sta facendo la nostra ministra Lamorgese e tutto il governo. Purtroppo scappano per non morire di covid19, ma vengono a contagiare chi per mesi ha fatto sacrifici enormi, lo dimostrano i 16 casi di questi ultimi giorni in Sardegna e i 133 in Veneto. Vogliamo un nuovo lockdown? Vogliamo altri nostri morti? A voi le risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *