Niente traghetto da Genova a Porto Torres. Passeggeri dirottati a Olbia - LinkOristano
Cronaca

Niente traghetto da Genova a Porto Torres. Passeggeri dirottati a Olbia

Dopo la disavventura le proteste

Fila alla biglietteria del porto di Genova
Fila alla biglietteria del porto di Genova

Olbia

Dopo la disavventura le proteste

Sono stati costretti ad andare a Olbia perché la nave che avrebbero dovuto portali a Porto Torres non è arrivata in banchina a Genova. È l’ennesimo grave disservizio della Tirrenia che ha coinvolto lo scorso mercoledì centinaia di passeggeri, sardi e turisti, diretti nell’isola.

La sorpresa molti l’hanno scoperta solo poche ore prima dell’imbarco, quando si trovavano in viaggio. Le agenzie di viaggio e la stessa compagnia li hanno avvisati con un sms o con una mail, comunicandogli il cambio di programma.

Molti passeggeri erano già sul molo quando sono stati invitati a recarsi presso la biglietteria per sostituire i biglietti e imbarcarsi su una nave della Moby Line.

“Una vergogna, e purtroppo non è nemmeno la prima volta che accadono questi disservizi con la Tirrenia”, racconta Giovanni Atzori, emigrato in Svizzera, “non ci hanno fatto sapere neppure il motivo del mancato arrivo della nave per Porto Torres. Quando siamo arrivati a Genova abbiamo dovuto fare la fila alla biglietteria per rifare il biglietto, una ressa indescrivibile, al caldo con temperature torride. Non ci hanno neppure chiesto scusa”.

Le operazioni di emissione dei biglietti sono terminate solo poco prima delle 23, quando la nave della Moby ha lasciato la Liguria diretta a Olbia, con tutti i disagi che questo ha provocato.

Alcuni passeggeri allo sbarco in Gallura hanno saputo che la nave che avrebbe dovuto portarli a Porto Torres sarebbe stata bloccata dalla Capitaneria per problemi tecnici.

Venerdì, 12 agosto 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email redazione@linkoristano.it

commenta