In Friuli olio, vino, frutta e verdura del Sinis tra le eccellenze enogastronomiche - LinkOristano
Territori

In Friuli olio, vino, frutta e verdura del Sinis tra le eccellenze enogastronomiche

Quattro produttori locali a Cividale per la manifestazione “L’Isola dei Giganti e i tesori del Sinis”

Sinis in Friuli
Gli stand dei produttori del Sinis a Cividale del Friuli

Cabras

Quattro produttori locali a Cividale per la manifestazione “L’Isola dei Giganti e i tesori del Sinis”

Grande vetrina in Friuli per i prodotti del Sinis, che hanno accompagnato a Cividale, in provincia di Udine, la manifestazione “L’Isola dei Giganti e i tesori del Sinis”, promossa da Fondazione Mont’e Prama e Fondazione De Claricini Dornpacher, in collaborazione con il Gal Sinis, il Comune di Cabras, gli assessorati alla Programmazione e all’Agricoltura della Regione Sardegna, la cooperativa Penisola del Sinis, la Fasi/ Federazione degli emigrati sardi, il Comune e il Museo archeologico nazionale di Cividale del Friuli.

In concomitanza con le conferenze, tenute al museo, la piazza Foro Giulio Cesare ha ospitato gli stand dei produttori agricoli selezionati dal Gal Sinis che hanno promosso i propri prodotti in un’ottica di divulgazione integrata dell’offerta culturale ed enogastronomica del territorio. Nel fine settimana la presentazione delle eccellenze enogastronomiche sono proseguite presso la storica Villa De Claricini, con la partecipazione di numerosi cittadini e turisti che si sono dimostrati fortemente interessati all’iniziativa e ai prodotti tipici del Sinis.

Erano presenti all’evento, a seguito dell’avviso pubblico del GAL Sinis, quattro importanti aziende del territorio: l’OP Sa Marigosa e l’azienda vinicola Contini di Cabras, l’oleificio Corrias di Riola Sardo e l’azienda agricola Tenute Evaristiano. Una vetrina importante, così come ha sottolineato il presidente del GAL Sinis, Alessandro Murana, che durante i tre giorni di manifestazione ha avuto modo di mettere in evidenza al pubblico le peculiarità produttive delle aziende che hanno preso parte all’evento. “Essere invitati a prendere parte a iniziative di carattere culturale come questa mette in luce le potenzialità di sviluppo economico e sociale garantite dalla sinergia tra turismo culturale ed enogastronomico”, ha detto Murana. “Attraverso questi eventi intendiamo, dunque, rafforzare il dialogo e la collaborazione tra istituzioni pubbliche e mondo delle imprese private ai fini di una crescita locale duratura e sostenibile”.

“Questa iniziativa si inserisce nel solco di una proficua collaborazione tra la Fondazione Mont’e Prama e il GAL Sinis, avviata lo scorso novembre in occasione della Borsa internazionale del Turismo archeologico di Paestum”, dice Anthony Muroni, presidente della Fondazione Mont’e Prama. “Entrambi, infatti, condividiamo la medesima vocazione, ovvero quella di valorizzare il ricco patrimonio del Sinis, chi sul fronte del sistema delle imprese e chi, come noi, sul piano culturale”.

“Siamo al lavoro per programmare la partecipazione ad altri eventi e promuovere l’adesione di un ventaglio sempre più ampio di imprese locali. Per questo motivo intendiamo attivare nelle prossime settimane una azione di sensibilizzazione e di coinvolgimento diretto delle imprese per essere pronti e strutturati per cogliere al meglio queste iniziative” afferma Cristiano Deiana, direttore del Gal Sinis.

Bilancio positivo per Andrea Abis, sindaco di Cabras, vicepresidente della Fondazione Mont’e Prama e componente del consiglio direttivo del Gal Sinis: “La manifestazione di Cividale aggiunge un altro tassello all’importante attività di scambio e di promozione del territorio Sinis e di Cabras fuori dai confini della Sardegna”, ha detto Abis. “Le importanti relazioni createsi ed il numeroso pubblico intervenuto ai vari eventi di questa tre giorni dimostrano che la strada intrapresa un anno fa dal Comune di Cabras e dalla Fondazione sia quella giusta”.

Anche i produttori presenti esprimono il proprio plauso all’iniziativa. “Siamo molto soddisfatti di aver avuto l’occasione di far conoscere i nostri prodotti in una zona dove ancora non siamo presenti dal punto di vista commerciale”, commenta il responsabile commerciale dell’OP Sa Marigosa, Mario Mele. “La partecipazione a questo importante evento è stata anche l’occasione per focalizzare i punti di forza della rete esistente tra noi aziende del territorio”, aggiunge il direttore della cantina Tenute Evaristiano, Gianluigi Minnai.

“Dopo due anni di stop causato dalla pandemia, questa a Cividale è per noi la seconda manifestazione a cui partecipiamo grazie al GAL Sinis, che promuove interessanti opportunità di portare la nostra azienda e i nostri prodotti fuori dalla Sardegna”, afferma Manuela Corrias, dell’Oleificio Corrias. “Visti i risultati, faremo il possibile per prendere parte a tante altre iniziative in programma nei prossimi mesi”.

“Conoscere e confrontarsi con nuove realtà è fondamentale per noi imprese, per questo abbiamo colto subito l’opportunità offerta dal Gal Sinis nell’ambito del progetto di marketing territoriale previsto dal Piano di Azione Locale”, dichiara Mauro Contini, titolare dell’azienda vinicola Contini.

Friuli - Giganti
L'intervento del presidente del Gal Sinis, Alessandro Murana

Mercoledì, 22 giugno 2022

 

commenta