"Servizi sanitari allo sbando ad Ales, anziani e malati costretti a spostarsi a Terralba" - LinkOristano
Proteste

“Servizi sanitari allo sbando ad Ales, anziani e malati costretti a spostarsi a Terralba”

Pisanu (Cisl-FP) denuncia la progressiva paralisi del Distretto in Marmilla

Poliambulatorio di Ales
Il poliambulatorio di Ales

Ales

Pisanu (Cisl-FP) denuncia la progressiva paralisi del Distretto in Marmilla

Al Poliambulatorio di Ales, molti servizi sanitari di primaria importanza sono chiusi, oppure lavorano con con gravi limitazioni.  Un esempio: nel  presidio non opera più da diverse settimane  la Commissione per l’accertamento dell’invalidità civile e gli utenti – in genere anziani e malati – sono costretti a spostarsi fino a Terralba per sottoporsi alle visite. 

Ma non basta:  il servizio Igiene pubblica non è più aperto tutti i giorni. Il servizio farmaceutico è operativo una sola volta al mese. Il Centro prenotazioni, il Servizio scelta o revoca del medico o del pediatra,  l’Ufficio esteri, il Pua (Punto unico di accesso) sono allo sbando.  

Non è migliore la situazione dell’Assistenza domiciliare integrata, che può contare su un solo amministrativo, e del servizio veterinario, anche questo con un solo impiegato a disposizione. 

A tracciare la desolante fotografia della sanità in Marmilla è Marco Efisio Pisanu, segretario aziendale della Cisl Funzione Pubblica, in un documento inviato a tutti i sindaci dei 25 Comuni del distretto Ales Terralba, ma anche all’assessore regionale alla Sanità, al direttore della ASL di Oristano,  ai consiglieri regionali dell’Oristanese e ai dirigenti del Distretto  di Ales Terralba.

Pisanu segnala che i servizi ormai praticamente chiusi  sono quelli rivolti prevalentemente “a persone anziane, portatori di handicap e persone con un reddito salariale minimo, che non possono affrontare spostamenti verso i centri di Oristano e Terralba, non solo a causa delle proprie patologie, ma anche per difficoltà oggettive legate al reddito e alla mancanza di mezzi pubblici”. 

Marco Efisio Pisanu
Marco Efisio Pisanu

“Una situazione già più volte segnalata dalla Cisl Funzione Pubblica di Oristano”, lamenta Pisanu, “con nessun risultato concreto. Anzi, ci viene il sospetto che il tutto sia stato studiato per affossare Ales e rafforzare altri centri, altrimenti non si spiegherebbe perché”.

“Già nel febbraio 2020 l’assessore alla Sanità fece visita al nostro Distretto, accompagnato da altri assessori e consiglieri regionali”, ricorda il sindacalista. “Belle parole e la promessa di non dimenticare le zone interne, già disagiate e penalizzate per la viabilità e la mancanza di altri servizi essenziali. Caro assessore, e cari politici di maggioranza e opposizione,  chiediamo il rispetto degli impegni presi e della nostra gente”. 

Da Pisanu la richiesta al direttore generale Angelo Serusi per un intervento rapido, e ai sindaci del territorio e alla popolazione tutta l’invito a non rimanere indifferenti di fronte allo “scippo” dei servizi in Marmilla.

Venerdì, 13 maggio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email redazione@linkoristano.it

Più informazioni
commenta