I pescatori alla Regione: "Fateci rottamare parte delle licenze. Così tuteliamo il riccio di mare" - LinkOristano
Vertenza

I pescatori alla Regione: “Fateci rottamare parte delle licenze. Così tuteliamo il riccio di mare”

La proposta è stata ribadita ieri a Cagliari: in cambio si chiede una buonuscita

Ricci
Foto d'archivio

Oristano

La proposta è stata ribadita ieri a Cagliari: in cambio si chiede una buonuscita

Nella vertenza ricci si è parlato anche della proposta di riconoscere ai pescatori la possibilità di rottamare le licenze in cambio di una buonuscita, nell’incontro di ieri in Regione. Alla riunione-fiume nel pomeriggio hanno partecipato la Commissione Attività produttive del Consiglio regionale, l’assessora dell’Agricoltura Gabriella Murgia, l’assessora del Lavoro Alessandra Zedda e cinque rappresentanti delle associazioni dei pescatori professionisti.

Tra le ipotesi discusse anche quella della riapertura della pesca dei ricci di mare, almeno fino ad aprile. È una delle richieste presentate dai pescatori, che chiedono lo slittamento di tre mesi del fermo triennale e garanzie chiare sugli indennizzi regionali.

Sul tavolo, come detto, c’è anche anche l’opzione rottamazione delle licenze di pesca. “È una delle soluzioni che da anni proponiamo agli Assessorati competenti”, ha dichiarato David Bichi, presidente dell’Unione dei pescatori subacquei professionisti di Oristano.

In Sardegna i ricciai autorizzati sono 189: l’eventuale rinuncia da parte di alcuni di loro garantirebbe un minore sfruttamento delle risorse.

“Tanti ricciai”, ha detto ancora Bichi, “soprattutto quelli più avanti con gli anni, valuterebbero certamente questa possibilità. Ma la Regione dovrebbe garantire una buonuscita. In passato è stato fatto per altre tipologie di pesca, come lo strascico e per la pesca con la rete da pesce spada”. I ricciai chiedono però che in cambio da Cagliari vengano loro riconosciute almeno le spese sostenute per mettersi in regola.

“Se dovesse arrivare il via libera alla riapertura della pesca del riccio”, ha concluso il presidente dell’Unione dei pescatori subacquei professionisti di Oristano, “si potrebbe riaffrontare con calma la questione dei sussidi e anche quella della rottamazione delle licenze”.

Giovedì, 27 gennaio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392, o l’indirizzo email redazione@linkoristano.it

commenta