All'hub per il vaccino al posto dell'amico e in cambio di una cena: arrestato dalla polizia - LinkOristano
Covid-19

All’hub per il vaccino al posto dell’amico e in cambio di una cena: arrestato dalla polizia

Denuncia per l'uomo che non si è presentato

Vaccini - dosi
Vaccino

Cagliari

Denuncia per l’uomo che non si è presentato

Si è presentato all’hub vaccinale utilizzando documenti falsi. Un disoccupato 30enne di Cagliari è stato arrestato in flagranza di reato dalla squadra mobile. È successo ieri pomeriggio all’hub della Fiera di Cagliari.

L’uomo avrebbe dovuto ricevere la prima dose del vaccino anticovid, ma non era la persona indicata nei documenti fatti vedere all’infermiera dell’accettazione. Un amico no-vax, infatti, gli aveva dato la propria carta di identità e la tessera sanitaria per ricevere il vaccino al posto suo, in cambio di una cena al ristorante. Sulla carta di identità aveva sostituito la sua fotografia con quella del  trentenne.

Quando è arrivato il suo turno, l’uomo ha fatto vedere i documenti all’infermiera ma accanto era presente un poliziotto che si è accorto del falso e lo ha smascherato.

Gli uomini della seconda Sezione della Mobile erano presenti nell’hub proprio per vigilare sulla regolarità delle procedure di vaccinazione e a tutela del personale sanitario contro eventuali atti dimostrativi dei no-vax.

L’amico dell’arrestato, un quarantenne di Cagliari, gestore di un autonoleggio, è stato denunciato per concorso nel reato di uso di documento falso. L’arrestato dovrà rispondere anche dei reati di sostituzione di persona e di falsa attestazione di identità a pubblico ufficiale. Su disposizione del pubblico ministero il trentenne, pregiudicato, è stato messo agli arresti domiciliari.

Mercoledì, 26 gennaio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video,  puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email redazione@linkoristano.it

commenta