A Sennariolo e Scano di Montiferro la festa dell'Unità nazionale: "Gesto di vicinanza" - LinkOristano
4 novembre

A Sennariolo e Scano di Montiferro la festa dell’Unità nazionale: “Gesto di vicinanza”

Stamane la cerimonia alla presenza delle autorità

Cerimonia 4 novembre Montiferru
Foto Ufficio Stampa Prefettura di Oristano

Oristano

Stamane la cerimonia alla presenza delle autorità

Sennariolo e Scano di Montiferro, due fra i comuni più colpiti dagli incendi della scorsa estate, hanno ospitato stamane le tradizionali celebrazioni provinciali per la festa dell’Unità nazionale e per la giornata delle forze armate.

Alle 10.30 a Sennariolo è andata in scena una cerimonia militare raccolta e sentita, che si è aperta con lo schieramento di rappresentanze delle forze armate, della polizia di Stato, della guardia di finanza, della polizia penitenziaria, del Corpo forestale della Regione, della Capitaneria di Porto, dei vigili del fuoco e della Croce Rossa.

Il prefetto di Oristano Fabrizio Stelo, accompagnato dal sindaco di Sennariolo Gianbattista Ledda e dal commissario straordinario della Provincia di Oristano Massimo Torrente ha deposto una corona in onore ai caduti.

Hanno presenziato all’appuntamento anche il questore di Oristano Giuseppe Giardina, il procuratore della Repubblica Ezio Domenico Basso, una rappresentanza della diocesi di Alghero-Bosa, il sindaco di Oristano Andrea Lutzu e una rappresentanza delle associazioni combattentistiche e d’Arma con i rispettivi gonfaloni.

La celebrazione si è conclusa con la lettura dei messaggi del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

Cerimonia 4 novembre Montiferru ter
Foto Ufficio Stampa Prefettura di Oristano
Cerimonia 4 novembre Montiferru bis
Foto Ufficio Stampa Prefettura di Oristano

Un’ora più tardi le celebrazioni si sono spostate a Scano di Montiferro, con un incontro ospitato nel teatro comunale che si è aperto con un saluto del prefetto di Oristano. Fabrizio Stelo ha ricordato lo spirito che ha mosso l’idea trasferire le celebrazioni da piazza Mariano a Oristano verso alcuni dei paesi più colpiti dal grande rogo dello scorso mese di luglio: dare un ulteriore senso di vicinanza ai comuni, ai rappresentanti e alle comunità.

“La piccola prefettura di Oristano sta facendo il possibile per tornare a una situazione, se non di normalità, più vicina possibile alla normalità”,  ha detto il prefetto Stelo, rivolgendo un saluto affettuoso ai sindaci dei comuni colpiti.

Il prefetto ha anche voluto ringraziare le forze armate: “Credo che grazie sia la parola più giusta, per quello che fate tutti i giorni per la nostra sicurezza. Credo sia indubbia la loro eccezionale professionalità, disponibilità ed efficienza ogni volta siano stati chiamati a operare”.

Lo studioso Tino Melis e la direttrice del Servizio di Igiene Pubblica dell’Assl di Oristano Valentina Marras hanno tenuto due brevi relazioni rispettivamente sul “Centenario del Milite Ignoto” e “Covid e Spagnola: analogie e differenze”.

Sono saliti sul palco anche il vicesindaco di Scano di Montiferro Antonio Pietro Ghiaccio e il sindaco di Sennariolo Gianbattista Ledda. Erano presenti a teatro le classi quarta e quinta della scuola primaria di Scano di Montiferro.

Cerimonia Scano di Montiferro 4 novembre
Foto Ufficio Stampa Prefettura di Oristano
Cerimonia Scano di Montiferro 4 novembre bis
Foto Ufficio Stampa Prefettura di Oristano

Giovedì, 4 novembre 2021

Se ritieni che questa notizia possa essere integrata con ulteriori informazioni o con foto e video inviaci un messaggio al numero Whatsapp 331 480 0392

commenta