Visite, informazione, ma anche yoga e spettacolo nel mese dedicato al nastro rosa - LinkOristano
Prevenzione

Visite, informazione, ma anche yoga e spettacolo nel mese dedicato al nastro rosa

Il calendario promosso dalla Lilt di Oristano con l'iniziativa  dedicata alla lotta contro il tumore al seno

nastro-rosa
Il nastro rosa

Oristano

Il calendario promosso dalla Lilt di Oristano con l’iniziativa  dedicata alla lotta contro il tumore al seno

Ottobre è il mese del nastro rosa, l’appuntamento annuale promosso da Lilt for Women per la lotta contro il tumore al seno. Come ogni anno, anche la Lega Italiana per la Lotto contro i Tumori di Oristano, di concerto con la Lilt nazionale e assieme a tutte le 106 Lilt Italiane, promuove iniziative di informazione e di sensibilizzazione per la prevenzione e la cura del tumore del seno.

“Oggi più che mai vogliamo essere attivi sul nostro territorio con l’obiettivo di supportare le donne, garantendo informazioni e servizi ambulatoriali, questo non soltanto nel mese di ottobre ma si protrarrà tutto l’anno”, commenta Eralda Licheri, presidente della LILT Oristanese, anticipando le iniziative che l’associazione oristanese proporrà in città e in provincia per “sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione, che ad oggi è l’unica arma realmente efficace per ridurre al minimo i tassi di mortalità legati alla malattia”.

Per tutto il mese di ottobre saranno illuminate di rosa la statua di Eleonora d’Arborea, simbolo della città capoluogo e figura storica fortemente evocativa del potere delle donne, e la sede del comune di Arborea.

Venerdì prossimo, 8 ottobre, al primo piano del Centro Commerciale “ Porta Nuova” sarà allestito un banchetto dove le volontarie distribuiranno l’opuscolo “LILT for Women: conoscere se stesse significa prevenire”.

“Fin da giovani, la diagnosi precoce è il primo gesto per difendersi dal tumore del seno”, spiega Eralda Licheri, “e brochure contengono informazioni su come proteggere la propria salute e su come e dove effettuare la diagnosi precoce. Saremo presenti dalle ore 10,30 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 20”, aggiunge la presidente della Lilt di Oristano.

Lo stesso banchetto verrà riproposto in piazza Roma a Oristano nelle giornate di domenica 9, lunedì 10 e venerdì 15 ottobre.

“Nella giornata di domenica 9 ottobre saremo anche a Cabras”, aggiunge Eralda Licheri.

“Durante il mese di ottobre la Pro loco di Arborea ci dedicherà uno spazio”, prosegue la presidente della Lilt di Oristano, “sarà l’occasione di rinsaldare le nostre collaborazioni e nel contempo promuovere l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce nel loro territorio”.

Tappa anche a Paulilatino: “Il 16 ottobre presso il B.I.V.I. giardino sensoriale del paese terremo un incontro di Yoga per le persone con patologia tumorale e loro accompagnatori con l’obiettivo di coniugare rilassamento e movimento: attività riconosciute universalmente di grande beneficio”, illustra Eralda Licheri.

Il 22 ottobre si torna a Oristano con un evento a cura del gruppo Bossanova e dintorni e un gruppo di artisti sardi. In programma un concerto con la finalità di raccogliere fondi da destinare all’acquisto della cuffia chemioterapica.

Ancora, durante il mese di ottobre, al presso il C.M.O. (centro medico oristanese) che mette gratuitamente i propri ambulatori a disposizione della Lega, riprenderanno le visite al seno.

“Prossimamente sulla nostra pagina Facebook pubblicheremo date e modalità per prendere l’appuntamento”, annuncia Eralda Licheri.

Appuntamenti anche sul web, con 3 interviste durante le quali le referenti della Lilt di Oristano tratteranno il tema dell’alimentazione nei pazienti oncologici.

“Gli argomenti spazieranno dagli alimenti che non devono mancare agli alimenti che devono essere eliminati o notevolmente ridotti”, spiega la presidente Licheri, “ma anche di alimenti per la disintossicazione da radio e chemio per ripulire gli organi emuntori. Diffonderemo anche vere e proprie ricette sulla scia del detto di Ippocrate Fai che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo”.

Il tumore del seno resta a oggi per le donne il cancro più diffuso e temibile. Solo nel 2021 si stimano oltre 55.000 nuove diagnosi, un numero impressionante che l’emergenza covid ha aggravato: troppi gli screening saltati, terapie, interventi e controlli rimandati.

Eralda-Licheri
Eralda Licheri

Venerdì, 1° ottobre 2021

 

 

commenta