A San Vero Milis un incontro-dibattito sull'emergenza sanità - LinkOristano
Salute

A San Vero Milis un incontro-dibattito sull’emergenza sanità

L'appuntamento anticipa la manifestazione in programma a Cagliari venerdì

Medico
Foto d'archivio

San Vero Milis

L’appuntamento anticipa la manifestazione in programma a Cagliari venerdì

Si parlerà di salute negata in un incontro-dibattito organizzato per domani – giovedì 23 settembre – a San Vero Milis. Tema attualissimo, vista le situazioni di continua emergenza nella sanità pubblica, con la carenza di medici di base nell’Oristanese, le difficoltà dell’ospedale San Martino e dei nosocomi di Bosa e Ghilarza.

Ad invitare i suoi concittadini al confronto, che si terrà alle 18.30 presso il giardino del museo, è stato il sindaco Luigi Tedeschi. Interverranno anche i rappresentanti dei Comitati per il diritto alla salute che venerdì manifesteranno a Cagliari davanti alla sede del Consiglio regionale.

“Cari concittadini”, ha scritto in una nota il sindaco di San Vero Milis, “da circa tre anni i sindaci del Distretto sanitario di Oristano sono impegnati a sollecitare il potenziamento dei servizi sanitari in provincia. Purtroppo, nonostante l’assidua ricerca di collaborazione con i vertici del sistema sanitario sardo, non sono state introdotte misure tali da consentire una risposta sanitaria confacente ai bisogni di salute dei cittadini. Anzi, negli ultimi anni stiamo assistendo a un rapido e progressivo arretramento dell’offerta sanitaria pubblica. Solo a titolo esemplificativo, si ricorda la chiusura di vari punti vaccinali, la drammatica carenza delle strutture sanitarie territoriali, la mancata sostituzione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, la disastrosa situazione in cui si trovano servizi essenziali dell’ospedale di Oristano (Pronto Soccorso, Anestesia e Rianimazione, Emodinamica, Farmacia, Radiologia), e il ridimensionamento degli ospedali di Bosa e Ghilarza”.

luigi-tedeschi
Luigi Tedeschi

“Tutto ciò”, ha evidenziato ancora il sindaco, “ha prodotto un allungamento delle liste di attesa e un impoverimento dei servizi offerti tanto da ‘costringere’ il malato a rivolgersi al privato, sopportando costi elevati, o a rinunciare alle cure. La situazione non è più tollerabile, c’è bisogno che ogni cittadino si impegni a difendere il diritto alla salute sancito dalla Costituzione”.

Alla manifestazione di venerdì a Cagliari parteciperanno tantissimi comitati e associazioni del centro Sardegna. Ci saranno anche i Comitati dei sindaci dei distretti sanitari di Oristano, Ghilarza-Bosa e Ales-Terralba.

Mercoledì, 22 settembre 2021

Più informazioni
commenta