L'allarme del Siap: "Tanti pensionamenti in vista in Questura, servono nuovi e giovani agenti" - LinkOristano
Sindacati

L’allarme del Siap: “Tanti pensionamenti in vista in Questura, servono nuovi e giovani agenti”

L'allarme è stato lanciato da Antonello Muscente, segretario provinciale del sindacato, che è entrato a far parte del consiglio nazionale

Oristano - questura prefettura polizia stradale
La Questura di Oristano

Oristano

Parla Antonello Muscente, segretario provinciale del sindacato, che è entrato a far parte del consiglio nazionale

Il mancato ricambio di poliziotti nell’isola preoccupa il Siap. “Si tratta di problemi che verranno a galla in futuro anche  nella Questura di Oristano”, spiega il segretario provinciale del Sindacato appartenenti polizia Antonello Muscente, che nei giorni scorsi è entrato a far parte del consiglio nazionale del sindacato. È questo uno dei temi che il Siap ha portato all’attenzione del nono congresso nazionale, tenutosi nei giorni scorsi a Roma.

“L’anno prossimo”, continua Muscente, “saranno una quindicina i pensionamenti in Questura. Si tratta di un problema nazionale. In passato sono state chiuse molte scuole, la formazione ne ha risentito. Fortunatamente siamo riusciti a portare i corsi per allievi agenti al Caip di Abbasanta”.

Una struttura, quella del Guilcier, che ha ancora margini di crescita. “Siamo convinti che possa essere potenziata”, prosegue ancora Muscente, “abbiamo chiesto di ampliare il centro e di intervenire sulle strutture esistenti. L’obiettivo deve essere quello di aumentare il numero di allievi e garantire così il cambio generazionale”.

Muscente, 57 anni, lavora alle volanti della Questura di Oristano e aveva fatto parte del direttivo nazionale. Ora il nuovo importante incarico  al termine del congresso di Roma è  che ha visto la rielezione all’unanimità alla guida del sindacato di Giuseppe Tiani, confermato segretario generale nazionale.

Il segretario Tiani ha ricomposto la squadra della segreteria nazionale. Oltre alla riconferma dei segretari uscenti e all’ingresso di Roberto Traverso, è stato nominato segretario generale aggiunto Massimo Zucconi Martelli, già segretario nazionale e in passato segretario generale provinciale di Cagliari per oltre 10 anni.

Nella direzione nazionale sono stati nominati il segretario provinciale aggiunto di Cagliari Ignazio Secci, il segretario generale provinciale di Sassari Angelo Chessa e il segretario generale provinciale di Nuoro Gavino Rosa, colonna del Siap da oltre 34 anni. Per il collegio dei revisori sono stati scelti il segretario generale regionale Sardegna Sebastiano Sannia e il segretario generale provinciale di Nuoro Gavino Rosa.

Il convegno ha avuto come tema “Le sfide della sicurezza nella società che muta”. Sono stati tre giorni intensi, iniziati al teatro Brancaccio di Roma e proseguiti nelle sale dell’Hotel Quirinale, che ha visto la presenza e l’autorevole intervento dei ministri Luciana Lamorgese, Renato Brunetta e Andrea Orlando. Hanno partecipato al convegno anche l’europarlamentare Carlo Calenda, Lamberto Giannini, capo della polizia – direttore generale della pubblica sicurezza, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Franco Gabrielli, il deputato dem Enrico Borghi, la sottosegretaria di Stato al Ministero dell’Interno Nicola Molteni, il sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia Francesco Paolo Sisto e il presidente della Giunta delle elezioni e immunità parlamentari del Senato Maurizio Gasparri.

La relazione introduttiva del segretario Tiani ha dato spunto a interessanti interventi da parte delle autorità presenti. Nel corso del congresso, ampio spazio è stato riservato agli interventi dei delegati provinciali e regionali, le cui testimonianze sono state occasione di discussione, confronto e condivisione delle storie e delle criticità delle donne e degli uomini della polizia di Stato.

La delegazione sarda ha portato sul tavolo congressuale i problemi di alcuni uffici della provincia di Nuoro, dove la metà dell’organico è composta da agenti in prova li assegnata alla fine del corso; le problematiche inerenti il nuovo Cpr di Macomer; la complessità del carico di lavoro in capo della Questura e dei compartimenti delle specialità della provincia di Cagliari, costantemente sotto organico. Tra i temi anche la problematica dei mezzi di servizio, la mancanza di vestiario e la carenza di mezzi di equipaggiamento, specie quelli per la tutela della propria incolumità personale.

Antonello Muscente
Antonello Muscente

Martedì, 21 settembre 2021

Più informazioni
commenta