Tre atleti e un tecnico alle Olimpiadi di Tokyo: un'altra storica pagina dello sport oristanese - LinkOristano
Primato

Tre atleti e un tecnico alle Olimpiadi di Tokyo: un’altra storica pagina dello sport oristanese

Stefano Oppo nel canottaggio, Alessia Orro nella pallavolo, Lorenzo Patta nell'atletica e il tecnico della canoa Stefano Loddo

Generico luglio 2021
Oppo, Orro (foto Instagram @alessiaorro8) e Patta (foto Instagram @lorenzo_patta)

Oristano
Stefano Oppo nel canottaggio, Alessia Orro nella pallavolo, Lorenzo Patta nell’atletica e il tecnico della canoa Stefano Loddo

Sarà un’Olimpiade storica per l’Oristanese. Tra pochi giorni voleranno a Tokyo tre atleti nati e cresciuti in provincia e il tecnico Stefano Loddo. I giochi si apriranno il 23 luglio e termineranno il 23 agosto.

Già presente cinque anni fa a Rio de Janeiro, è pronto a rivivere il sogno a cinque cerchi il canottiere di Oristano Stefano Oppo. È cresciuto nel Circolo Nautico Oristano e ora fa parte della squadra sportiva dei carabinieri. Il ventiseienne gareggerà nel doppio pesi leggeri insieme a Pietro Ruta.

Quella giapponese sarà la seconda Olimpiade anche per la ventiduenne di Narbolia Alessia Orro. La pallavolista della Saugella Monza, cresciuta nel settore giovanile dell’Ariete di Oristano, è stata inserita ieri nell’elenco delle 12 azzurre selezionate dal ct Davide Mazzanti.

A Tokyo ci sarà anche lo sprinter delle Fiamme Gialle e dell’Atletica Oristano Lorenzo Patta. Allenato da Francesco Garau, il ventunenne è stato selezionato per la staffetta 4×100. Lo scorso maggio, al Meeting di Savona, Patta aveva corso i 100 metri in appena 10″13.

Generico luglio 2021
Manfredi Rizza e Stefano Loddo

Seconda Olimpiade in vista per il canoista di Pavia Manfredi Rizza. Ad allenare il Mampe, sesto a Rio nel K1 200 metri, è l’oristanese Stefano Loddo.

“Un terzo degli atleti sardi che parteciperanno alle Olimpiadi arriva della provincia di Oristano”, commenta il delegato provinciale del Coni Simone Carrucciu, “è un risultato storico, un segnale importante che ci fa ben sperare. Siamo molto felici, vuol dire che nell’Oristanese si fa tanto sport. Con i tre atleti e il tecnico Stefano Loddo portiamo a Tokyo quattro discipline. Il 50% sono legate al mare, un segnale importante per noi che siamo un’isola”.

“Faccio un in bocca al lupo a tutti i ragazzi”, continua Carrucciu, “le medaglie sono il sogno di tutti gli atleti, ma già esserci è davvero molto importante. Le Olimpiadi sono una grande occasione per trasmettere i valori dello sport e, perché no, per far conoscere la nostra provincia in tutto il mondo. Aspettiamo con ansia le gare e le partite dei nostri atleti. Infine un augurio per il futuro: speriamo di avere presto qualche atleta della provincia anche alle Paralimpiadi”.

Simone Carrucciu
Simone Carrucciu

Martedì, 6 luglio 2021

Se ritieni che questa notizia possa essere integrata con ulteriori informazioni o con foto e video inviaci un messaggio al numero Whatsapp 331 480 0392

Più informazioni
commenta