Terralba e Ardauli uniti per ricordare i concittadini uccisi dalle BR - LinkOristano

Terralba e Ardauli uniti per ricordare i concittadini uccisi dalle BR

Gemellaggio a 45 anni dalla morte del giudice Coco e della sua scorta

Terralba ricorda Francesco Coco

Terralba e Ardauli uniti per ricordare i concittadini uccisi dalle BR
Gemellaggio a 45 anni dalla morte del giudice Coco e della sua scorta

Il sindaco di Terralba Sandro PIli e il prefetto di Oristano Fabrizio Stelo

Il suono della tromba e un minuto di silenzio per onorare la memoria di Francesco Coco, procuratore generale della Corte d’Appello di Genova, e della sua scorta, composta dal brigadiere Giovanni Saponara e dall’appuntato Antioco Deiana. Terralba ha ricordato oggi il suo concittadino più illustre, ucciso dalle Brigate rosse 45 anni fa.

Durante la cerimonia nella via intitolata al magistrato è stato scoperto un pannello realizzato in sua memoria. All’iniziativa ha preso parte anche il prefetto di Oristano, Fabrizio Stelo, intervenuto per sottolineare la sofferenza di quegli anni e l’impegno delle Istituzioni. Il sindaco di Terralba, Sandro Pili, ha ripercorso la vita e la carriera del giudice Coco.

Anche ad Ardauli, paese che ha dato i natali all’appuntamento Antioco Deiana, caduto nell’espletamento del suo dovere quale agente di scorta di Coco, si è osservato un minuto di silenzio in ricordo delle tre vittime del terrorismo.

I due comuni sardi, accomunati dalla volontà di omaggiare i propri cittadini caduti, si preparano a siglare un gemellaggio che coinvolgerà anche Salandra, città natale di Giovanni Saponara, e Genova, dove avvenne l’attentato.

“Il gemellaggio si concretizzerà entro la prima metà di agosto al massimo, attraverso le delibere di Consiglio nei quattro comuni”, spiega il primo cittadino di Terralba, Sandro Pili. “Alla fine del mese o i primi giorni di settembre saranno avviate manifestazioni nei quattro centri, con chiusura a Genova”.

Il pannello realizzato in memoria del giudice Coco

Martedì, 8 giugno 2021

commenta