"Contro i medici di base l'assessore fa disinformazione a mezzo stampa" - LinkOristano
In sardegna

“Contro i medici di base l’assessore fa disinformazione a mezzo stampa”

Vaccinazioni e sedi sguarnite, critiche a Nieddu dalla Rete sarda per la Sanità pubblica

Vaccino coronavirus

“Contro i medici di base l’assessore fa disinformazione a mezzo stampa”
Vaccinazioni e sedi sguarnite, critiche a Nieddu dalla Rete sarda per la Sanità pubblica

In Sardegna c’è una “campagna di disinformazione a mezzo stampa da parte dell’assessore della Sanità contro i medici di base, accusati di non contribuire attivamente alla campagna di vaccinazione anti-covid”. L’accusa a Mario Nieddu arriva da Claudia Zuncheddu, portavoce della Rete sarda Difesa Sanità pubblica (nonché medico di base): “l’attacco e il tentativo di criminalizzazione dei medici di medicina generale è ingeneroso e poco responsabile”.

“Ribadiamo che non da oggi i medici che operano nei territori chiedono di essere messi nella condizione di poter vaccinare in sicurezza, per la tutela del paziente e del sanitario”, sottolinea un documento della Rete. “La campagna di vaccinazione non può gravare solo sui medici di base ma richiede una maggiore organizzazione a monte”.

Secondo l’associazione, “l’assessore dimentica il sacrificio dei medici di base, lasciati soli nel pieno della pandemia, quando la Politica di fronte all’emergenza sanitaria scelse di chiudere reparti e servizi di assistenza ai malati no-covid, anziché aprirli e potenziarli. Ciò ha determinato un forte appesantimento dell’attività del medico di base, l’ultimo baluardo della sanità pubblica nei territori”.

“Questi ultimi fatti hanno contribuito ad aggravare il peso burocratico sul lavoro dei medici, un peso che contrasta con una missione che per sua natura privilegia il rapporto umano e professionale tra medico e paziente. La politica, inoltre, non può persistere nell’ignorare che nei territori manchino i medici di medicina generale. A tutt’oggi, in Sardegna, sono ben oltre 100 le comunità prive di medico di base. Un taglio al diritto alla salute e un aggravio sui servizi per le emergenze, dalle guardie mediche al 118”, sottolinea il documento.

“Sarule, Olzai, Oniferi e Orani, sono solo un esempio di comunità che attendono da anni la nomina del medico di base”, ricorda la nota firmata da Claudia Zuncheddu. “È compito dell’Assessorato della Sanità bandire le sedi vacanti e attribuire le titolarità dal 2018 al 2020. Questa emergenza, ancor più nei territori che hanno subito lo smantellamento dei propri ospedali pubblici, contribuisce a generare una situazione di precarietà sanitaria su cui la politica deve agire subito, per dovere morale e giuridico”.

Giovedì, 27 maggio 2021

commenta