Consorzio Due Giare, tanti progetti nel cassetto per il 2021 - LinkOristano
Prima categoria

Consorzio Due Giare, tanti progetti nel cassetto per il 2021

Si punta molto sulla fotografia per una promozione turistica costretta per ora a rinunciare agli incontri

lino-zedda-consorzio-due-giare

Consorzio Due Giare, tanti progetti nel cassetto per il 2021
Si punta molto sulla fotografia per una promozione turistica costretta per ora a rinunciare agli incontri

Lino Zedda

L’assemblea dei sindaci e dei loro delegati del Consorzio Turistico Due Giare ha dato il via libera alla programmazione 2021. “Sono molti i progetti anche per l’anno in corso”, spiega il presidente Lino Zedda, “per il momento però rimangono nel cassetto. La nostra missione è la promozione turistica del territorio e dei nostri dodici comuni. Ma i nostri eventi sono contraddistinti dalla socialità e dall’incontro fra le persone, convivialità purtroppo, a tutt’oggi, resa impossibile dalle misure per il contenimento del coronavirus”.

Proprio alcune settimane fa, a pochi giorni dal decollo dell’iniziativa, il Consorzio ha dovuto stoppare l’evento “Myland Cross Experience”, trail a piedi o di corsa alla scoperta del territorio. “Ma non ci fermiamo”, aggiunge sempre Zedda, “cercheremo di mettere in campo alcuni eventi, adattandoli alla situazione attuale”.

Il pensiero è rivolto alla prosecuzione del progetto sull’arte fotografica coordinato da Salvatore Ligios, alla promozione delle risorse archeologiche, ambientali, culturali e legate alla tradizione dei paesi delle Due Giare, sfruttando le strade percorribili sui social e sui nuovi strumenti multimediali. Sono inoltre in cantiere nuove idee progettuali con relative richieste di finanziamento.

Lo stop. Alcune manifestazioni, alla data di oggi, risultano in stand-by, in attesa di ulteriori sviluppi e degli andamenti della pandemia nei prossimi mesi. Primo fra tutti il “Due Giare Expo”, una fiera delle produzioni agroalimentari del territorio, che ogni anno fa tappa nel centro storico e nelle case tipiche di uno dei paesi del Consorzio.

“Un evento di socialità per eccellenza che si propone di richiamare ospiti da tutta l’isola per far conoscere il nostro patrimonio. Pensare a uno svolgimento virtuale”, spiega Zedda, “ha poco senso. Verrebbe meno il fine dell’iniziativa”.

Non ci sono certezze, finora, neanche sulla prossima edizione di Myland, la maratona, questa volta in bici, sempre nel territorio dell’Alta Marmilla.

La fotografia. “Possiamo invece proseguire il progetto delle mostre fotografiche itineranti”, annuncia il numero uno del Consorzio. “L’anno scorso, assieme al grande maestro di fotografia Salvatore Ligios, ci siamo proposti di far conoscere i nostri paesi grazie agli scatti originali di giovani fotografi, che hanno soggiornato per alcune settimane nei nostri centri. La prima tranche del progetto si è poi conclusa con una mostra a cielo aperto sulle immagini, frutto del lavoro di questi fotografi. Nel 2020 sono state coinvolte le comunità di Villa Verde, Pompu e Curcuris. Per il 2021 possiamo pensare ad altri comuni del Consorzio”.

“L’esito finale potranno essere sempre esposizioni all’aperto nei centri storici dei nostri paesi: le potranno ammirare in assoluta sicurezza i turisti che arriveranno nel territorio”. Il progetto fotografico diretto da Ligios è triennale, coinvolgerà a rotazione tutti i paesi delle Due Giare, quattro ogni anno, e si concluderà con un catalogo finale contenente tutte le mostre e le immagini dei singoli comuni.

App e promozione. La fotografia diventa uno strumento per far conoscere il territorio delle Due Giare. La stessa missione di una nuova app su tutti i comuni del Consorzio, che contiene video professionali realizzati nei singoli paesi e notizie sulle risorse presenti in ogni paese. L’iniziativa, partita lo scorso anno, è in fase di completamento e sarà presentata alla stampa nelle prossime settimane.

“Un tour virtuale nei sentieri delle Due Giare, che”, puntualizza Zedda, “siamo sicuri motiverà tanti appassionati delle zone interne a venirci a trovare e a visitare i nostri tesori, anche quando il Covid sarà solo un lontano ricordo. Stiamo pesando a una campagna promozionale sul territorio dei nostri dodici comuni, ma senza alcun evento in presenza. Una campagna sui social e sul web con lo stesso fine di sollecitare, in futuro e quando si potrà, l’arrivo di nuovi flussi turistici nella nostra zona”.

Il bando. Il Consorzio ha inoltre annunciato la partecipazione a un bando del Ministero dei Beni culturali, che metterà a disposizione fondi per la realizzazione di progetti di rigenerazione urbana attraverso attività culturali e creative. Si chiama “Creative Living Lab”. “L’obiettivo”, spiega il presidente del Consorzio, “sarebbe il coinvolgimento dei giovani del territorio anche dal punto di vista della loro crescita professionale. Alcune settimane fa anche grazie alla collaborazione di Alfonso Mereu di Lunamatrona, unico sardo presente nella ‘E-nazionale’, la Nazionale italiana del gioco del calcio virtuale, abbiamo ospitato a Baradili un evento, naturalmente virtuale, su questo nuovo sport, che tanto successo sta riscuotendo fra i giovani”.

“Un evento che”, spiega ancora Zedda, “in due giornate, ha raccolto tanto interesse e curiosità. Per questo ho pensato di realizzare nel Montegranatico di Baradili, grazie a questo finanziamento del ministero, una sorta di centro dove i ragazzi e i giovani del territorio possano coltivare questa passione, ma non solo. Anche un centro di co-progettazione. Grazie ad altra strumentazione multimediale, che potremo acquistare, se la nostra idea progettuale sarà premiata dal Ministero, i nostri ragazzi e giovani potranno perfezionarsi nella realizzazione di video o altri lavori multimediali. Miglioreremo la qualità della vita di questa fascia della popolazione, che rappresenta il nostro futuro, favorendo anche momenti di incontro, scambio e confronto fra loro. Inoltre la professionalità acquisita dai nostri giovani potrebbe anche tornare utile sempre alla mission del nostro Consorzio, ovvero la promozione turistica del nostro territorio”.

Passo successivo l’approvazione del progetto, proprio ieri nel consiglio d’amministrazione del Consorzio, con la relativa richiesta di finanziamento di 50mila euro.

Venerdì, 26 marzo 2021

commenta