Un oristanese sul palco romano del Circo Massimo con i Rolling Stones - LinkOristano
Città

Un oristanese sul palco romano del Circo Massimo con i Rolling Stones

È Enrico Correggia, di 26 anni, fa parte del Coro Giovanile Italiano

Enrico Correggia (in basso a sinistra) sul palco con Mick Jagger

Enrico Correggia (a sinistra guardando la foto) sul palco con Mick Jagger

C’era anche Oristano sul palco del Circo Massimo, a Roma, domenica scorsa, per l’evento dell’anno: il concerto dei Rolling Stones. Enrico Correggia, oristanese di 26 anni, era infatti tra i 24 componenti del Coro Giovanile Italiano, che ha accompagnato i miti intramontabili del rock nel brano “You can’t always get what you want”.

“Quando è arrivata la mail che ci proponeva di inviare una demo per avere la possibilità di collaborare per la tappa italiana dei Rolling Stones pensavo fosse uno scherzo”, racconta il musicista oristanese. E invece uno scherzo non era e i migliori giovani cantori italiani hanno conquistato le quattro pietre (rotolanti) miliari del rock brittannico, addirittura registrando la demo da mandare per la selezione in autogril, di ritorno dalla vetrina mondiale del Florilège Vocal di Tours, dove hanno vinto il primo premio nelle categorie “Cori Misti” e “Rinascimento”, oltre al premio speciale del Ministero della Cultura Francese per miglior esecuzione di un brano di Thierry Machuel.

Dei quattro sempreverdi ragazzi del rock Enrico Correggia dice: “Sono persone molto umane e professionali: anche alle prove sembrava di essere al concerto. Hanno una grinta mostruosa e si divertono”.

Un momento dell'esibizione: il coro con Jagger

Un momento dell’esibizione: il coro con Jagger

Il momento il cantante oristanese sul palco lo ha vissuto senza rendersene bene conto: “È talmente fuori dalla portata dell’ordinario che non realizzi subito. Non vedevamo la fine del pubblico, tanta era la gente e il palco è una barriera”.

La vera presa di coscienza è arrivata dopo, quando a concerto finito, andando a cena e intonando le note della canzone, è stato fermato e riconosciuto, insieme ai suoi colleghi, da quel pubblico che prima vedeva solo come una massa enorme e distante.

“Ci hanno fermato, fatto foto e video e hanno cantato con noi”, racconta ancora  Enrico Correggia, che aggiunge, “è stato il momento più bello perché ho realizzato di aver contribuito a regalare un sorriso alle persone”.

Il giovane musicista oristanese fa parte dal 2012 del coro che, per i meno esperti,  si potrebbe indicare come una sorta di Nazionale italiana dei cantanti, ed è uno dei bassi. Vanta un curriculum di tutto rispetto: docente di Canto Liturgico Medievale nei corsi tenuti dall’associazione fiorentina Culturaepiù, canta nel Modus Ensemble diretto da Mauro Marchetti: è  membro fondatore e trombettista dei 4Quartet, eclettica -ed eccentrica- formazione d’ottoni e direttore dell’orchestra da camera “Estro Armonico”, tra le altre.

Il Coro Giovanile Italiano in Francia

Il Coro Giovanile Italiano in Francia

Il CGI, invece,  è un progetto di Feniarco (Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali), coordinato da Marco Fornasier e Michela Francescutto. I due direttori sono Dario Tabbia (Rinascimento) e Lorenzo Donati (novecento e contemporaneo).

Per il concerto dei Rolling Stones il coro, diviso in due semicori da 12 persone l’uno, è stato diretto da due coristi: Mateja Černic e Diego Ceruti.

(Si ringrazia per la collaborazione Obler Luperi)

Mercoledì, 25 giugno 2014

commenta