Home » Post taggati con  » sdr

Appena dieci posti liberi, nonostante la raddoppiata capienza rispetto alla vecchia casa circondariale di Piazza Manno

Buoncammino se ne libera. Il nuovo istituto di Uta non li avrà. Sdr: “Una scelta incomprensibile del Dap”

“Sono trascorsi 21 anni da quando ha commesso il reato di bancarotta. Ora, dopo la condanna definitiva della Cassazione, è ristretto nel carcere di Buoncammino per scontare la pena inflittagli di 3 anni. Una situazione paradossale dovuta a una giustizia che procede a passo di lumaca compromettendo, come in questo caso, la riabilitazione e il […]

Ha finalmente lasciato il carcere di Buoncammino la bimba di 14 mesi finita per due volte dietro le sbarre a Cagliari. La piccola, rimasta in una cella consecutivamente per 20 giorni, e’ tornata a casa con la mamma di 27 anni alla quale sono stati concessi gli arresti domiciliari. “Dopo i primi giorni dentro la […]

Amara sorpresa per la delegazione di donne, in rappresentanza di associazioni e istituzioni, che stamattina si è recata nella Casa Circondariale di Cagliari. Insieme alla mamma 27/enne, infatti, c’era anche una bimba di 14 mesi. Mamma e figlia hanno partecipato, con le altre 12 detenute, alla manifestazione “Un sorriso oltre le sbarre”, l’iniziativa di solidarietà […]

La protesta per denunciare i problemi della nuova struttura. La notizia resa nota dalla presidente di Sdr Maria Grazia Caligaris

Difficoltà nell’utilizzare le procedure telematiche da parte di numerosi utenti. Appello anche agli amministratori locali

“Ancora un atto di arroganza che nega i diritti ai cittadini. Equitalia non può impedire a una persona di disporre dell’unica fonte di reddito a maggior ragione se a contrarre il debito non è stata la madre ma la figlia. Questo genere di abusi devono cessare”. Lo sostiene Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione “Socialismo Diritti […]

Lettera di una trentina di detenuti all’Associazione Socialismo Diritti Riforme che l’ha resa nota e che solidarizza con loro

Maria Grazia Caligaris contesta e propone: “I nostri parlamentari devono impegnarsi per la territorialità della pena”